PRESENTAZIONE DI “STORIE ROSSOBLU'” DI MARIO FADDA

Buongiorno meraviglie!

Con grande gioia e orgoglio, vi annuncio che la rassegna letteraria 🌷”Liberamente Sopra Le Righe”🌷continuerà per quest’anno, seppur con un solo (ma importantissimo) appuntamento, nel grande contenitore dell’ Arzachena Summer Festival! 

Si tratta di un evento unico, dove per la prima volta nel Nord Sardegna, la presentazione dell’attesissimo libro “Storie Rossoblu'” del noto autore, nonché membro della SISS (Società Italiana di Storia dello Sport) Fadda✒️ si lega ad una mostra unica, mai esposta al di fuori dei confini del cagliaritano.

Il libro svela curiosità e storie sconosciute, che saranno accompagnate dalla presenza di alcuni rari e pregiatissimi cimeli che fanno parte della collezione privata del signor Gallus, fondatore del “Museo Rossoblù”.

Maglie dello scudetto, palloni pregiati, scarpette e tanto altro vi aspettano in Piazza Risorgimento, alle ore 21:30 in Piazza Risorgimento ad Arzachena…

⇒ SEGUIMI SU FACEBOOK

⇒ SEGUIMI SU INSTAGRAM

Approfondisci

ON THE ROAD: PALAZZO REGIO DI CAGLIARI

Buon giorno meraviglie!

Oggi voglio portarvi (seppur virtualmente) con me, in una città bellissima, con una storia che affonda le sue radici in tempi remoti. La scorsa settimana sono scesa dalla mia Olbia verso Cagliari, per un viaggetto rilassante con una mia amica e ho avuto modo di vedere molti luoghi, che non avevo mai visitato. Oggi scopriremo insieme il Palazzo regio di Cagliari…

⇒ SEGUIMI SU FACEBOOK

⇒ SEGUIMI SU INSTAGRAM

Il palazzo Regio, detto anche Viceregio, è uno storico edificio di Cagliari, antica residenza del rappresentante del re durante le dominazioni aragonese, spagnola e sabauda e attualmente sede della Prefettura della Città metropolitana di Cagliari e ospita gli uffici decentrati della nuova Provincia del Sud Sardegna. Si trova in piazza Palazzo, nel quartiere Castello.

image-3142

Il palazzo ha origini trecentesche e divenne sede del viceré dal 1337, per volere di Pietro IV d’Aragona. Nel corso dei secoli l’edificio subì diverse modifiche e ampliamenti. Particolarmente significativi furono i restauri settecenteschi; nel 1730, ad opera degli ingegneri piemontesi de Guibert e de Vincenti fu realizzato lo scalone d’onore che conduce al piano nobile.

Quando nacque il rapporto stretto tra Sardegna e Savoia?

→ Nel 1718, il Regno di Sardegna passò ai Savoia, rimanendo un’istituzione autonoma rispetto agli altri stati continentali della dinastia, che giurarono di rispettare le antiche usanze e i privilegi dello Stato sardo. Ma il XVIII secolo fu l’epoca delle monarchie assolute, e la nuova casa regnante cercò gradualmente di trasformare l’antico regno creato dai re medievali aragonesi, in uno stato più adatto ai tempi moderni. Per mezzo secolo circa lo spagnolo rimase ancora la lingua ufficiale dell’autorità. La capitale formale era ancora Cagliari, ma ora tutte le decisioni erano prese a Torino, residenza dei monarchi sabaudi. Nonostante tutto, la città nell’età dei Lumi crebbe lentamente con la riorganizzazione dell’università, il rafforzamento del sistema difensivo, la ristrutturazione del Palazzo Reale e l’accesso ai mercati del Nord Italia e del resto d’Europa.

→ Nel 1792-1793, durante le guerre rivoluzionarie francesi, la Francia cercò di conquistare Cagliari per via del suo ruolo strategico nel Mediterraneo occidentale. Un esercito francese sbarcò nella spiaggia del Poetto e da lì si mosse in direzione di Cagliari, ma i francesi furono sconfitti dai sardi che decisero di difendersi dall’esercito rivoluzionario. I cagliaritani speravano di ricevere qualche concessione dai Savoia in cambio della difesa della città, gli aristocratici di Cagliari chiesero un rappresentante sardo nel parlamento del regno. Quando i Savoia rifiutato qualsiasi concessione, gli abitanti di Cagliari si sollevarono contro i Savoia ed espulsero tutti i piemontesi dalla città. Questa insurrezione è celebrata a Cagliari durante la “Sa die de sa Sardigna” (Il giorno della Sardegna) festeggiata il 28 di Aprile. Tuttavia, i Savoia ripresero rapidamente il controllo della città dopo un periodo di autogoverno.

→ Nel 1798 i francesi conquistarono il Piemonte istituendo la Repubblica Piemontese, i Savoia, con tutta la corte, lasciarono Torino e si trasferirono nel palazzo regio di Cagliari che divenne de facto la capitale politica del Regno. La corte resterà nell’isola fino alla definitiva restituzione degli Stati di terraferma nel 1814.

 

Approfondisci