SPRING COCONUT CAKE

Buon giorno meraviglie!

La primavera è arrivata, con le sue lunghe giornate di sole, le temperature miti e tanta voglia di cibi gustosi ma freschi e leggeri.

La scorsa domenica ho preparato a “Spring Coconut Cake”, una torta al cocco che mia mamma ama particolarmente. E’ una sorta di torta raffaello che io ho trasformato in un prato fiorito di margherite.

CLICCA QUI per seguirmi su Facebook

CLICCA QUI per seguirmi su Instagram

Ingredienti

  • 200 g Waffer alla vaniglia
  • Olio di semi (q.b)
  • Panna Dolceneve Paneangeli
  • 450 ml di latte
  • Yougurt al Cocco Parmalt
  • Farina di cocco (q.b)
  • Colorante alimentare verde
  • Decorazioni floreali

image-2753

Svolgimento “Spring Coconut Cake”

In una ciotola sgretolate con le mani tutti i waffer alla vaniglia, aiutandovi prima con le mani e poi con la forchetta. Versate poi l’olio di semi necessario per amalgamare il tutto e stenderlo sulla base di uno stampo per torte con cerniera e diametro di 20 cm (anche 24 cm vanno bene, ma non di più). Mettete il tutto in frigo per almeno 30 minuti.

Nel frattempo versate su una terrina la panna in polvere e il latte freddo di frigo. Montate il tutto e amalgamate con una spatola con movimenti dal basso verso l’alto con lo yogurt di cocco. Aggiungete al tutto la farina di cocco in base a quanto vi piace sentire le scagliette o meno. Quando avrete raggiunto la crema che aggrada maggiormente il vostro palato, versate il tutto nello stampo per torte, sopra la parte in biscotto e livellate con una spatola. Io ho lasciato il composto in frigo per almeno 12 ore.

La mattina, ho deciso di decorare la mia torta con un bellissimo “prato verde”. Ho messo la farina di cocco su una ciotola mediamente capiente e ho aggiunto il colorante alimentare verde. Ho poi sparso sulla superficie della torta il cocco colorato e ho dato il tocco finale aggiungendo le margheritine. L’ho rimessa in frigo.

Di pomeriggio, l’ho servita ai miei ospiti che sono stati ben felici di questo assaggio di primavera sul palato.

 

Maria Antonietta Azara

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: