PERCHE’ AMO LEGGERE CARLA MARIA RUSSO…

Buon giorno meraviglie!
Oggi voglio parlarvi di un’autrice che nell’ultimo anno mi ha fatto innamorare dei suoi libri, delle storie e dei personaggi in essi contenuti. L’autrice in questione è Carla Maria Russo, laureata in lettere moderne ma da quasi trent’anni ricercatrice storica che ha dato alla luce numerosi romanzi che da amante della storia, non ho potuto non leggere e apprezzare. Di quali romanzi parlo?

⇒SEGUIMI SU FACEBOOK

⇒SEGUIMI SU INSTAGRAM

***

◊ La bastarda degli Sforza 

◊ I giorni dell’amore e della guerra 

◊ La sposa normanna 

◊ La regina irriverente 

◊ L’amante del doge 

 Il cavaliere del giglio

(Clicca sui titoli per i link diretti all’acquisto)

Carla Maria Russo si descrive…

Sono nata a Campobasso, in Molise, dove, stando alle cronache familiari, sono vissuta solo i miei primi quindici giorni di vita. Poi ho abitato in diverse altre città seguendo i trasferimenti di mio padre, agente di pubblica sicurezza, fino a quando, all’età di tredici anni, sono approdata a Milano, da dove non mi sono più mossa e che considero la mia città. Qui ho compiuto gli studi superiori nel liceo classico A. Manzoni  e quelli universitari presso L’Università degli Studi, dove mi sono laureata in Lettere Moderne con una tesi in storia del Risorgimento.

Dopo la laurea, ho insegnato Italiano e Latino nel triennio del liceo, tornando come docente nello stesso liceo classico Manzoni che avevo frequentato come studente.

Agli inizi degli anni ’90 però ho deciso di lasciare l’insegnamento e dedicarmi ad altre attività con le quali mi piaceva misurarmi. Una di queste è stata la ricerca storica, mia antica passione, un’altra la scrittura. All’inizio ho scritto per me stessa, desiderosa di mantenere traccia delle bellissime storie nelle quali mi imbattevo attraverso le mie ricerche, così intense, appassionanti e vive da annullare il tempo e parlare all’uomo di ogni epoca. Perché ogni “vera” storia è sempre contemporanea, sempre moderna.

Nel 2005 è uscito il mio primo romanzo per adulti, dal titolo “La sposa Normanna”, che ha suscitato fin da subito molta attenzione e si è trasformato oggi un long seller di grande successo, vincitore del premio Città di Cuneo Primo Romanzo e del premio Feudo di Maida. Una sorte molto simile è toccata a tutti i romanzi successivi: “Il Cavaliere del Giglio”, “L’amante del Doge”, “Lola nascerà a diciott’anni”, vincitore del premio letterario Fenice Europa, “La Regina Irriverente” e “La Bastarda degli Sforza”.

Perché leggere Carla Maria Russo…

Qual è il fil rouge che accomuna tutti questi libri? Le protagoniste sono donne appartenenti ad un passato remoto, a volte offuscate dalla storia nonostante molte di loro, la storia, l’abbiano fatta. Carla Maria Russo le descrive con i loro tratti umani: i loro limiti e i loro pregi. Sono pochi i romanzi storici in cui la funzione narrativa si combina bene con quella didascalica: con i suoi romanzi non solo si riesce a ripassare la storia e i suoi eventi più importanti con maggiore cognizione di causa, ma allo stesso tempo si entra a contatto con amori e passini di tempi remoti, che la storia dei libri di scuola non ci trasmette.

Carla Maria Russo crea delle storie che non annoiano, ma incitano ad una lettura attenta e voluttuosa capace di assorbire anche coloro che la storia non la amano particolarmente, facendovi scoprire un mondo sconosciuto e dei dettagli curiosi e simpatici.

Per esempio: Avete mai sentit parlare di Caterina Dolfin? No? Beh, per chi come me è un letterato sembra strano non sapere che fu una delle donne dell’Accademia dell’Arcadia

Nessuno conosce le grandi abilità militari di Caterina Sforza, il suo carattere forte, la determinazione, le sofferenze e le passioni che hanno caratterizzato la sua vita.

Nessuno sa che la lingua e i modi di esprimersi di uno dei sovrani più importanti del medioevo (Federico II di Svevia) era scurrile e terribilmente rozzo a causa di un’infanzia vissuta in strada fuori da palazzo.

Nessuno conosce la regina di Aquitania Elenoire: passionale e irriverente che per anni creò scandali e fu mal vista da uno dei più grandi uomini di Chiesa del medioevo Bernardo di Chiaravalle.

Tutte cose sconosciute, vero? Credo di si, perchè in un periodo in cui i romanzi storici non sono tra quelli in cui le case editrici preferiscono investire, c’è una donna che sta portando alto un mondo che in pochi sanno raccontare.

La Russo rende la lettura semplice: nessuno sfoggio di parole inusuali, ma tutto è  immediato, rilassante e interessante.

Spero che abbiate apprezziate questa breve introduzione a questa fantastica autrice. Spero di poterla intervistare il prima possibile, così da potervi far conoscere un po’ di lei.

image-2230

 

Il 19 Ottobre 2017 è uscito il suo nuovo romanzo “Le Nemiche” edito dalla Piemme editore, che racconta della rivalità tra Isabelle d’Este e Lucrezia Borgia…Presto la recensione sul blog!

 

 

Maria Antonietta Azara

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: