MARIA ANTONIETTA D’ASBURGO E LA CHEMISE: LA RIVOLUZIONE DELLA MODA RACCONTATA DA FABRIZIO CASU

Buon giorno meraviglie!

Oggi parliamo di una donna che ha sempre diviso l’opinione pubblica: o la si odia o la si ama. Parlo della regina di Francia Maria Antonietta d’Asburgo Lorena, che attraverso la moda, il lusso, le frivolezze e la bellezza ha creato un personaggio immortale. Nonostante le numerose regnanti che la Francia ha conosciuto nel corso dei secoli, la somma tra Francia e regina da un unico risultato: Maria Antonietta!

CLICCA QUI per scaricare “Il lungo viaggio di una chemise” in ebook

CLICCA QUI per acquistare “Il lungo viaggio di una chemise” in formato cartaceo

Presentazione del libro di Fabrizio Casu ad Alghero[1]
image-2135

L’esperto e creativo di moda Fabrizio Casu ammette nella prefazione del suo primo saggio “Il lungo viaggio di una chemise. Un’epoca attraverso un abito” di aver composto quest’opera come tributo al fascino immortale di Maria Antonietta, una donna forte capace di vivere al massimo le contraddizioni del suo tempo. La chemise, invece, è l’anello di congiunzione tra la fine del mondo conosciuto e quello nuovo edificato sulle ceneri della Bastiglia.

Maria Antonietta è portatrice di rivoluzione: nell’abbigliamento, nella forma, nei gusti, nell’architettura. E’ una donna che nasce dalla prima imperatrice donna dell’Impero Asburgico, religiosa, severa, semplice: Maria Teresa d’Austria, che consente ai figli di giocare con bambini non appartenenti al loro rango (Maria Antonietta era una grande amica di infanzia di quello che sarebbe diventato il grande Mozart), li abitua ad amare la vita in campagna nei vasti terreni delle regge, mondo che la giovane sovrana cercherà di riprodurre nel suo piccolo gioiello “Il Petit Trianon”.

Ma cosa centra una “semplice” chemise con una regina alla moda come lei?

Semplice e sciolta come una tunica, la chemise “nasce” sotto il segno della modernità più radicale: essa promuove la simbiosi fra corpo ed abito e, con la sua immacolata innocenza, cancella gli artifici e le costrizioni della moda rococò. Maria Antonietta, l’ultima regina di Francia, se ne innamora follemente: la indossa nella privacy fiabesca del Petit Trianon, la impone come dresscode delle sue feste e ne lancia la tendenza attraverso lo scandaloso ritratto di Vìgée Lebrun (in foto).

maria-antonietta1[1]
image-2136

Essa interpreta alla perfezione la nuova sensibilità neoclassica e soprattutto sta bene a tutte le donne. Questo indumento attraversa i continenti (dall’Europa all’America) e le stagioni politiche (dall’ancien regime all’Impero napoleonico), ma il suo viaggio è prima di tutto concettuale: da capo di biancheria ad abito formale; dal mondo infantile inglese al guardaroba adulto; da divisa elitaria a fenomeno di massa.

L’obiettivo di Fabrizio Casu non è quello di scrivere una biografia, ma legare il personaggio ad un indumento emblematico di un periodo storico che vede l’ultima rivoluzione dell’età moderna. Maria Antonietta viene mostrata da angolazioni diverse rispetto alla visione classica di sovrana interessata esclusivamente al lusso. E’ una ragazza di 15 anni che dal mondo austero austriaco, educata ad avere pochi abiti nuovi per stagione, si trova davanti allo sfarzo eccessivo dell’etichetta di Versailles, nella quale sarà sempre considerata dispregiativamente l’Austriaca e dal quale cercherà di fuggire nel suo angolo di paradiso nel Trianon.

La donna, la sovrana, le mode, le amicizie, il coraggio di una regina. Tutto all’interno del saggio “Il lungo viaggio di una chemise” frutto di una ricerca storica di alcuni anni di Fabrizio Casu, ora a lavoro per un nuovo-ambizioso progetto saggistico.

 

Maria Antonietta Azara

2 commenti su “MARIA ANTONIETTA D’ASBURGO E LA CHEMISE: LA RIVOLUZIONE DELLA MODA RACCONTATA DA FABRIZIO CASU”

  1. Lo ammetto! Io adoro Maria Antonietta. La sua storia, il personaggio, l’epoca in cui è vissuta… tutto di lei mi affascina e mi cibo, appena posso, di biografie (ufficiali e non!). Quindi, prendo nota anche di questo titolo, che pare essere diverso dal solito!

    1. Cara Laura, perdonami ma ho visto solo ora il tuo prezioso commento! <3 Dal momento che sei una grande appassionata di Maria Antonietta di consiglio anche il saggio sullo scandalo della collana (la cui recensione trovi qui nel blog! Ecco il link diretto: http://www.liberamente-me.com/maria-antonietta-e-lo-scandalo-della-collana-di-benedetta-craveri/#more-4728
      E poi sta per uscire un nuovo libro a fine Novembre dove si parlerà di amori regali, primo tra tutti quello di Maria Antonietta. Qui sul blog troverai costantemente aggiornamenti sulle nuove uscite che parlano della grande regina! <3 Un abbraccio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.