“LE STELLE DI CAPO GELSOMINO”

Buon giorno meraviglie!
Oggi voglio parlarvi della presentazione de “Le stelle di Capo Gelsomino” di Elvira Serra, che si è svolta giovedì 8 Agosto 2019 presso la piazzetta della Chiesa di Cannigione, alle 21:30! Mi sono presa qualche giorno di riposo per riordinare le idee, le emozioni e le foto scattate da Max Giorgioni, per poter scrivere a mente lucida quanto più possibile sulla prima serata della rassegna letteraria “Liberamente Sopra Le Righe”, che come sapete, rientra tra gli eventi dell’Arzachena Summer Festival 2019.

⇒ CLICCA QUI per leggere tutte le date e gli autori della rassegna “Liberamente Sopra Le Righe” ⇐

⇒ SEGUIMI SU FACEBOOK
⇒ SEGUIMI SU INSTAGRAM

image-5826

 

Sinossi. Tre generazioni di donne, unite e divise da nodi di amore e disamore che nella memoria della più giovane sono un dato di fatto, senza tempo e senza spiegazione. Tra Chiara e sua nonna Lulù, ostetrica condotta, l’affetto e la complicità sono cementati dalle lunghe estati passate insieme nella casa vicino al mare, a Capo Gelsomino. Tra Lulù e Marianna, la madre di Chiara, c’è invece solo un muro di silenzi e recriminazioni. Perché? Non sembra esistere risposta. Finché, per ricucire quello strappo, Chiara decide di raccontare la storia della sua famiglia, partendo dalla Sardegna della sua infanzia, uno sfondo vivido come solo certi ricordi felici sanno essere. Ma al cuore della guerra fredda tra Lulù e Marianna scoprirà un segreto capace di deflagrare di vita in vita, cambiando ogni cosa. Con grazia e tenerezza, Elvira Serra dipana in queste pagine il filo rosso con cui ogni madre si lega alla figlia per sempre. Intreccia una narrazione avvincente in cui nulla è ciò che sembra. Ci conduce nella più intima delle esplorazioni e nella più ardita delle avventure: la ricerca delle proprie radici.

Presentazione de “Le stelle di Capo Gelsomino”

image-5827

Il romanzo di Elvira Serra è vincente per la sua sorprendente semplicità. La lettura è fruibile e le vicende che narra, portano il lettore ad appassionarsi alla vita delle tre protagoniste. L’autrice crea tre figure tutto tondo, le delinea in pregi e in difetti, in cose dette o taciute. E poi ci sono i legami, che rendono il libro di ricco di pathos, emozioni che il lettore riesce ad estrapolare dall’essenza di queste donne.
Nel romanzo di Elvira non è possibile non immedesimarsi: ci sarà almeno una frase, un’emozione, una dinamica che vi sarà successa e nella quale vi ritroverete, che sembrerà scritta apposta per voi. Le estati di Chiara insieme a Lulù sono le estati di tutti noi, della nostra infanzia… sono parte di vita!

image-5828

L’autrice ha risposto a numerose domande sul romanzo e sui suoi protagonisti, spiegando che “Capo Gelsomino” è un luogo inesistente, ma idealmente corrispondente a Capo Comino, luogo in cui la Serra trascorre le sue vacanze estive.
Tra le tre donne, il personaggio in cui si rivede un po’ di più è Chiara: dopotutto è lei, nel libro, che si rimbocca le mani per scrivere la vera storia delle “ragazze Manconi”.


Non sono mancate le domande in riferimento alla sua carriera. Dal 1999 ha iniziato a vivere a Milano diventando una delle firme di punta del Corriere della Sera. Dopo una laurea in filosofia e un’esperienza post laurea come insegnante, ha capito che la sua strada e le sue ambizioni portavano da tutt’altra parte: ecco che parte per Roma alla Luiss, per poi arrivare al Corriere.

Lei stessa in un’intervista dichiarò: “il mio corredo non sono state le lenzuola, i piatti e le pentole. Il mio corredo è stato studiare. I miei genitori mi hanno fatto studiare per farmi arrivare il più lontano possibile”.

Quello che volevo sottolineare, ponendole quelle domande un po’ più personali, era l’importanza dello studio e la necessità di continuare a migliorarsi ed informarsi, anche dopo aver raggiunto posizioni di prestigio. Lei stessa ha precisato come prima di intervistare un personaggio famoso, legga venti/cinquanta interviste, per sapere il più possibile: un messaggio importante per tutti i presenti.


La serata dell’8 Agosto 2019, ha visto protagonista l’unione tra letteratura e arte. Abbiamo avuto il piacere di collaborare con la Galleria Esdé di Cagliari, fondata nell’ottobre 2015, da Daniela Sonedda e Davide Siddi, con l’obiettivo di promuovere le opere di artisti locali fino ad arrivare a quelli internazionali, attraverso l’organizzazione di mostre e dibattiti.

Tramite la Galleria d’arte siamo giunti all’illustratrice Giulia Messori, che dopo essersi diplomata al liceo artistico di Cagliari e aver conseguito la laurea in Beni Culturali, da autodidatta ha abbracciato la carriera da illustratrice, creando per la serata, durante una performance dal vivo, la sua lettura personale del romanzo…

Io non posso non ringraziare l’autrice Elvira Serra per aver accettato il nostro invito, l’Amministrazione Comunale di Arzachena, La Libreria dell’Isola Book Store Mondadori per seguirci in questi eventi estivi e Angela Pala, la libraia che da più di dieci anni consiglia e incoraggia la lettura in tutto il territorio di Arzachena e Costa Smeralda.
Il grazie infinito lo devo a tutte le persone che hanno deciso di trascorrere la serata in nostra compagnia, con curiosità, emozione, divertimento. Il pubblico che mi piace è sempre stato quello che ascolta, ma che comunica: con gli occhi, le risate, il racconto di qualche aneddoto, le domande e le curiosità che espone. I libri servono a comunicare e io vi do appuntamento a Giovedì 22 Agosto 2019 alle ore 21:30 presso la piazzetta di San Giovanni Battista di Cannigione con “L’Isola delle anime”, il nuovo romanzo di Piergiorgio Pulixi, uno dei scrittori italiani di noir più amati del momento. Vi aspettiamo 😉

image-5829

Maria Antonietta Azara

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.