I ROMANZI IN USCITA AD OTTOBRE 2018 PER GARZANTI

Buon giorno meraviglie!

Oggi parleremo, in anteprima, dei romanzi in uscita ad Ottobre 2018 per Garzanti. Troverete le date di uscita, la sinossi, informazioni sugli autori, numero pagine e prezzi, compresi i link utili per i libri già prenotabili…

Giù nei commenti voglio sapere quale libro vi incuriosisce di più…

⇒ SEGUIMI SU FACEBOOK

⇒ SEGUIMI SU INSTAGRAM

 

“C’è sempre un lieto fine” di Charlotte Lucas

image-4993

Le sorprese che la vita ci riserva possono spiazzare, ma anche regalare un lieto fine migliore di quello che abbiamo sempre sognato

Pagine: 450

Prezzo: 18.60 €

Sinossi. Tutte le storie hanno un lieto fine. Ne è convinta Ella, che da sempre crede nelle favole e tiene un blog dove si diverte a riscrivere i finali di film e romanzi famosi, riscuotendo grandissimo successo. Fino al giorno in cui scopre che il fidanzato la tradisce. E all’improvviso si rende conto che forse il finale da favola non esiste nella realtà. In preda all’agitazione, inforca la bicicletta e si scontra con uno sconosciuto. Si chiama Oscar, ma non fa nemmeno in tempo ad aiutarlo che lui è già sparito nel nulla spaventato. Per fortuna lascia dietro di sé il portafogli. L’unica cosa che può aiutare Ella a rintracciarlo e chiedergli scusa. È il minimo dopo quello che è successo. Appena lo apre, ne fuoriesce una pioggia di bigliettini scarabocchiati con enigmatiche annotazioni e strani indirizzi. Sembrano indizi messi lì proprio perché lei li trovi. Un invito a capire cosa si nasconde dietro quegli appunti in apparenza incomprensibili. Piena di curiosità, Ella si ritrova a far visita a persone molto vicine a Oscar. E, bigliettino dopo bigliettino, si rende conto che quell’uomo si porta dietro un passato difficile e ha bisogno del suo aiuto. Forse può dargli una mano ad aggiustare il suo cuore e regalargli il suo happy end. Così, facendosi portavoce della felicità, piano piano entra nella sua vita e lo incoraggia a rimetterne insieme i pezzi. Uno alla volta. Ma c’è ancora una cosa che Ella ha in serbo per Oscar. Una di quelle sorprese che non lasciano indifferenti. Un gesto semplice e naturale, che racchiude in sé tutta la forza della gentilezza e dell’amore. Solo così Ella potrà dire di essere riuscita davvero a regalare il lieto fine a quello sconosciuto che le ha cambiato la vita. Un lieto fine che forse ci sarà anche per lei.

L’autrice. Charlotte Lucas è nata e cresciuta a Düsseldorf e vive ad Amburgo. Con Il tuo anno perfetto inizia da qui ha conquistato pubblico e critica in tutta Europa e dominato per settimane le classifiche italiane.

 

 

“Ogni volta noi” di Josie Silver

image-4994

 

Nell’affascinante ambientazione londinese una storia sui colpi di fulmine che possono capitare sempre e ovunque, su un autobus, su un treno, sotto casa

Pagine: 320

Prezzo: 17.60 €

Sinossi. Seduta sull’autobus per tornare a casa, Laurie ammira le luci sfavillanti di Londra attraverso il finestrino. All’improvviso i suoi occhi incrociano quelli di un ragazzo fermo sul marciapiede. Si incrociano e si rincrociano ancora, in uno spazio che sembra infinito. Come non avessero mai fatto nient’altro per tutta la vita. Ma l’autobus riparte e Laurie non ha il tempo di fermarlo, di scendere, di scoprire qualcosa di quel ragazzo misterioso che per lei significa già tutto. Per un anno intero non fa altro che cercarlo in ogni negozio in cui entra, a ogni angolo di strada, in ogni pub dove va con gli amici. Ma sa che rivedersi, in una città così grande, è praticamente impossibile. Quando ormai si è rassegnata all’idea che si sia trattato di un’altra delle mille persone che, nella vita, si incontrano per poi perderle per sempre, lo vede a una festa. Ma non come avrebbe sperato. La sua migliore amica è lì per presentarle il suo nuovo fidanzato, e Laurie non può credere a chi si trova di fronte: è lui, è il ragazzo dell’autobus, è il ragazzo che ha disperatamente cercato per mesi. Un destino beffardo li fa incontrare di nuovo proprio quando non possono stare insieme. Proprio quando devono nascondere a loro stessi e al mondo intero la magia del loro primo incontro. Perché l’amore detta le sue leggi che non sempre sono comprensibili. Perché l’amore può premiare gli audaci, ma anche chi ha la pazienza di aspettare. Di credere. Di essere tenace. Quando nasce a prima vista può essere un fuoco che si accende in un istante, ma anche un focolare che trattiene il calore affinché non si esaurisca mai.

L’autrice. Josie Silver è un’inguaribile romantica che ha conosciuto il marito pestandogli un piede, il giorno del suo ventunesimo compleanno. Oggi vivono con i due figli nella campagna inglese. Ogni volta noi è il suo romanzo d’esordio.

“Widows Eredità criminale” di Lynda La Plante

image-4995

Quattro donne ambiziose e indipendenti disposte a tutto pur di difendere quello che è loro

Pagine: 300

Prezzo: 17.90 €

Sinossi. Per Dolly essere la moglie del noto criminale Harry Rowlins non è mai stato un problema. Negli anni si è tenuta alla larga dagli affari del marito, ottenendo in cambio tutte le attenzioni che ha sempre desiderato. Eppure l’ultima impresa di Harry è finita in tragedia e con la sua morte Dolly si ritrova sola. Finché non riceve un biglietto anonimo con precise istruzioni: deve presentarsi in banca sotto falso nome e accedere a una cassetta di sicurezza. Qui, oltre a contanti e una pistola, trova il taccuino sul quale il marito ha annotato le persone con cui ha avuto a che fare e le rapine che ha organizzato, compresa l’ultima. Dolly interpreta questo ritrovamento come un segno. Sta a lei portare a termine quello che Harry ha iniziato. Lo deve a se stessa. E soprattutto lo deve a quel marito del quale vuole onorare la memoria. Ma non può farcela da sola. Ha bisogno del sostegno di chi, come lei, sa cosa vuol dire vivere al fianco di un criminale con tutti i rischi che comporta. È così che Dolly si rivolge alle uniche persone che è certa non si tireranno indietro: le vedove dei complici di Harry e la scaltra Bella, che si conquista fin da subito la sua stima. Solo unendo le forze e fidandosi l’una dell’altra, le quattro donne riusciranno a farsi strada in un mondo che non fa sconti e premia quelli che sono disposti a mettere a repentaglio anche la propria vita per ottenere ciò che vogliono. E loro non hanno la minima intenzione di tirarsi indietro. Nemmeno quando le cose non vanno secondo i piani.

L’autrice. Lynda La Plante, nata a Liverpool, vive tra Londra e East Hampton (New York). È stata attrice prima di intraprendere una fortunata carriera di sceneggiatrice e produttrice televisiva. È autrice della celebre serie TV Prime Suspect e di numerosi romanzi, tutti pubblicati da Garzanti.

 

“La stanza della tessitrice” di Cristina Caboni

image-4996

Un libro dove i fili del passato si intrecciano a quelli del presente. Dove i destini di due donne si incontrano per imparare a far volare i sogni, senza paura

Pagine: 296

Prezzo: 18.60 €

Sinossi. Bellagio è il luogo dove Camilla si è rifugiata per iniziare una nuova vita. Solo qui è libera di realizzare i suoi abiti capaci di infondere coraggio, creazioni che sono ben più di qualcosa da indossare e mostrare. Ma ora è costretta ad abbandonare tutto perché Marianne, la donna che l’ha cresciuta come una madre, ha bisogno del suo sostegno. È lei a mostrarle il contenuto di un antico baule, un abito che nasconde un segreto: vicino alle cuciture interne c’è un sacchetto che custodisce una frase di augurio per una vita felice. È l’unico indizio per ritrovare la sorella che Marianne non ha mai conosciuto. Camilla non ha mai visto nulla di simile, ma conosce la leggenda di Maribelle, una stilista che, all’epoca della seconda guerra mondiale, era famosa come «Tessitrice di sogni». Nei suoi capi erano nascosti i desideri e le speranze delle donne che li portavano. Maribelle è una figura che la affascina da sempre: si dice che sia morta nell’incendio del suo atelier parigino, circondata dalle sue creazioni. Camilla non sa quale sia il legame tra Maribelle e la sorella che Marianne vuole ritrovare. Ma sa che è disposta a fare di tutto per scoprirlo. Sente che la sua intuizione è giusta: Parigi è il luogo da dove iniziare le ricerche; stoffe, tessuti e bozzetti la strada da seguire. Una strada tortuosa, come complesso è ogni filo di una trama che viene da lontano. Perché i misteri da svelare sono a ogni angolo. Perché Maribelle ha lottato per affermare le proprie idee. Perché seguirne le orme significa per Camilla scavare dentro se stessa, dove batte un cuore che anche l’ago più acuminato non può scalfire. Cristina Caboni è una delle voci più prestigiose e stimate del panorama letterario italiano. Con i suoi romanzi come, tra gli altri, Il sentiero dei profumi e La rilegatrice di storie perdute è entrata nel cuore dei lettori. Ora torna con un libro dove i fili del passato e del presente si intrecciano. Dove gli abiti sono pieni di significati misteriosi. Dove i destini di due donne si incontrano per far volare i sogni, senza paura.

L’autrice. Cristina Caboni vive con il marito e i tre figli in provincia di Cagliari, dove si occupa dell’azienda apistica di famiglia. È l’autrice dei romanzi Il sentiero dei profumi – bestseller venduto in tutto il mondo, adorato dai lettori e dalla stampa, che ha conquistato la vetta delle classifiche italiane e straniere –, La custode del miele e delle api, Il giardino dei fiori segreti, – Premio Selezione Bancarella 2017 – e La rilegatrice di storie perdute.

 

“Sei il mio danno” di  Jamie Mcguire

image-4997

Non esistono piccoli o grandi sbagli perché l’amore ha sempre ragione

Pagine: 300

Prezzo: 17.60 €

Sinossi. Capelli color miele e sguardo impenetrabile, Darby Dixon ha tutta l’aria di essere una ragazza decisa e risoluta. In realtà sta fuggendo dalle braccia di un uomo che non l’ha mai amata davvero e vuole ricominciare da capo il più lontano possibile da lui. Ma adesso che è arrivata al Colorado Springs Hotel, dove lavora come receptionist, si rende conto che per lei il destino ha in serbo altri guai. E questi guai hanno un volto, quello di Scott “Trex” Trexler, noto per il suo fascino irresistibile e per il mistero che avvolge la sua storia personale di cui nessuno conosce i dettagli. Nel momento stesso in cui Trex mette piede in hotel e incrocia i suoi occhi, Darby sa che non è l’uomo giusto per lei. Glielo dice anche il nodo che sente alla gola: non ha tempo né voglia di infilarsi in un’altra relazione complicata, fatta di segreti e bugie. Eppure, più ha a che fare con lui, più Trex dimostra una sensibilità inaspettata. Solo lui, con estrema dolcezza, è in grado di andare oltre i suoi silenzi e interpretare le sue insicurezze, i suoi desideri e quel bisogno di affetto e protezione che, anche se non vuole ammetterlo, cerca con tutta sé stessa. Forse Trex è l’occasione che aspettava per imparare di nuovo ad amare. Ma Darby non è ancora pronta ad affidargli il suo cuore. E quando il passato si ripresenta deciso a farla soffrire ancora una volta, scoprirà insieme a Trex che le parole non dette possono far male più della verità.

L’autrice. Jamie Mcguire vive in Oklahoma con il marito e i figli. I suoi libri entrano regolarmente nei bestseller del «New York Times». Con lo straordinario successo della trilogia di Abby e Travis – Uno splendido disastro, Il mio disastro sei tu, Un disastro è per sempre – ha conquistato le classifiche italiane.

 

“Il gatto che donava allegria” di Rachel Wells

image-4998

Una storia di amicizia che emoziona e incoraggia a credere nella speranza che un animale domestico, con il proprio affetto, sa regalare anche nei momenti più bui

Pagine: 300

Prezzo:16.90 €

Sinossi. È una tiepida giornata estiva al cottage di Claire nel Devon dove il gatto Alfie e il cucciolo George, il suo nuovo amico, si sono appena traferiti per le vacanze. Nonostante la piacevole brezza marina, sentono la mancanza di Edgar Road, il luogo che chiamano casa. Là, tra villette a schiera e tanti spazi verdi per sonnecchiare indisturbati, ricevono affetto e coccole dalle tante famiglie del quartiere che non riescono neanche a immaginare una vita senza di loro. Perché Alfie e George sono gatti fuori dal comune. Con le orecchie sempre drizzate, sono in grado interpretare i desideri nascosti in fondo al cuore e trovare il modo migliore per realizzarli. E anche questa volta non tardano a rendersi conto che la situazione è lontano dall’essere idilliaca. Claire è visibilmente preoccupata: al cottage serve una bella rinfrescata per tornare a essere accogliente come un tempo e lei sa di non potercela fare solo con le proprie forze. Eppure, non bastano il supporto e l’incoraggiamento di Polly, Tomasz, Summer e Aleksi e degli altri vicini e confidenti di Edgar Road che, da buoni amici, si sono precipitati nel Devon non appena Claire ha chiesto loro una mano. Ma Alfie e George, con la loro sensibilità straordinaria, sanno qual è la cosa giusta da fare. A volte basta poco, una parola gentile, un’offerta di aiuto disinteressata, un istante di gioia condivisa, per ritrovare l’allegria e l’armonia necessarie ad affrontare le sfide che la vita ci riserva.

L’autore. Rachel Wells ha sempre desiderato scrivere e ha sempre amato i gatti. Ha combinato queste due passioni nei suoi fortunatissimi romanzi, per adulti e per bambini, che hanno come protagonista il gatto Alfie. Tutti i suoi libri – Il gatto che aggiustava i cuori, Il gatto che insegnava a essere felici, Il gatto che regalava il buonumore, Alfie un gatto per amico, Alfie in vacanza – sono stati pubblicati in Italia da Garzanti.

 

Maria Antonietta Azara

GNOCCHI DI PATATE AL SUGO CASERECCIO

Buon giorno meraviglie,

il profumo dei pomodori e del basilico fresco mi riportano alle estati in campagna, ai sapori genuini e gustosi che accompagnano la stagione e le vacanze. Ogni tanto, per l’estrema necessità di rivivere quei momenti di spensieratezza, riproduco gli gnocchi di patate (che amo!) e il sugo fresco e profumato. Devo ammettere che prediligo una versione molto più veloce di quella che mi è stata insegnata, ma per noi donne sempre di fretta ho cercato di creare una soluzione che mi consentisse, con qualche compromesso, di ricreare il sapore di quelle estati…Ecco i miei gnocchi di patate al sugo casereccio…

⇒ SEGUIMI SU FACEBOOK

⇒ SEGUIMI SU INSTAGRAM

Approfondisci

RECENSIONE SERIE TV: “ROMA”

Buon giorno meraviglie!

Oggi, per rimanere in tema con la recensione del romanzo “Catilina: la fine di un’epoca”, parliamo della serie tv “Rome” (“Roma”), una delle serie  più costose della storia.
Creata da Heller, Milius e Macdonald che l’hanno prodotta tra il 2005 e il 2007 e girata negli Studi di Cinecittà grazie alla collaborazione di tre grandi emittenti televisive: la statunitene HBO, l’inglese BBC e l”italiana Rai Fiction.

La serie tv è composta da 2 stagioni per 22 episodi complessivi della durata di 50 minuti circa ciascuno. Trasmessa, prima censurata e poi completa, da Rai 2 e Rai 4, che ne ripropone frequentemente le repliche.

⇒ SEGUICI SU FACEBOOK

⇒ SEGUICI SU INSTAGRAM

 

Trama. Roma, I secolo a.C. I centurioni della XIII legione, Lucio Voreno e Tito Pullo, seguono le vicende che trasformeranno la morente Repubblica di Roma nell’Impero Romano. Gneo Pompeo Magno accusa l’amico e suocero Gaio Giulio Cesare di sostenere una posizione antirepubblicana volta all’ istituzione di una dittatura in suo favore. Ma prima di soccombere tra le pugnalate di Bruto e Cassio, Cesare lascia la sua eredità al figlio putativo Cesare Ottaviano e all’alleato Marco Antonio, i quali si sfideranno tra intrighi politici e sanguinose battaglie, intrecciate da travolgenti storie d’amore.

Recensione serie TV “Roma” 

Gli indiscussi protagonisti di “Roma” ci vengono presentati da Gaio Giulio Cesare nella nota opera De bello gallico con i loro nomi latini, Lucius Vorenus e Titus Pullo. Centurioni della XI legione, in continua competizione per raggiungere i gradi più alti, contribuirono alla realizzazione della Resa di Vercingetorige. Gli sceneggiatori hanno ripescato i loro nomi dalle pagine della storia donandogli nuova vita.

Lucio Voreno, interpretato da Kevin McKidd, è il fulvo Centurione prima lancia della XIII legione, uomo astuto e fiero, timorato degli dei romani che venera o bestemmia costantemente, dotato di una cieca lealtà che viene spesso malamente riposta, privo del dono della misericordia e del perdono.

Tito Pullo, interpretato da Ray Stevenson e doppiato da Luca Ward, è un centurione della XIII legione, particolarmente coraggioso e amante della guerra, spregiudicato e incontrollabile, è dedito ai piaceri della carne.

image-4894
A sinistra: Lucio Voreno. A destra: Marco Antonio

La prima stagione segue le vicende storiche dalla Resa di Vercingetorige alle Idi di Marzo. Personaggio di primo piano dei primi dodici episodi è il noto console e dittatore Gaio Giulio Cesare, interpretato da Ciarán Hinds, che in “Roma” ci viene presentato con un carattere più deciso rispetto alla controparte storica: autoritario, severo, leggermente superbo e abbastanza incline all’utilizzo delle maniere forti.. La seconda stagione riprende ove la prima si era conclusa raccontandoci della sfida tra Cesare Ottaviano e Marco Antonio, sino alla morte di quest’ultimo e all’istituzione dell’Impero romano. Gli ultimi dieci episodi conducono all’evoluzione psicologica e caratteriale di Cesare Ottaviano, la quale viene sottolineata dal cambiamento fisico che portò il giovane ragazzo a divenire un uomo adulto grazie al recasting che avvenne a stagione inoltrata, il giovane Max Pirkis passò il timone al più adulto Simon Woods. La libertà di adattamento della sceneggiatura ha portato alla nascita di un personaggio fittizio che si discosta dal suo corrispettivo storico: Ottaviano è crudele, privo di scrupoli, superbo, classista, ossessionato dalle regole, dal potere e dalla famiglia.

“La guardia può tenere lontani i miei nemici,
ma nulla può contro i miei amici”
Gaio Giulio Cesare

image-4895
A sinistra: Gaio Giulio Cesare. Da destra: Cesare Ottaviano.

Nella storia degli uomini, tra i virili combattimenti sul campo di battaglia e gli articolati intrighi politici e giudiziari del senato, si inseriscono le figure femminili, non meno complesse e importanti delle precedenti, tra le quali spiccano: la seducente e manipolatrice Azia, la rancorosa e inquieta Servilia, la romantica e immatura Ottaviana, e infine la Regina d’Egitto Cleopatra, personaggio storico per il quale non venne scelta una modella dalla spiccata bellezza, ma un’attrice che seppe interpretare al meglio il sensuale e sprezzante carattere della controversa regina.

image-4896
A sinistra: Azia (madre di Ottaviano). Al centro: Cleopatra. A destra: Niobe (moglie di Lucio Voreno)

L’unico attore italiano degno di nota è l’attrice Chiara Mastalli che interpretò Irene, la schiava che venne casualmente trovata e liberata da Tito Pullo e il cui carattere, mite e silenzioso, portò il passionale centurione a innamorarsi. Paradossalmente, l’unica attrice italiana e romana della serie televisiva, interpretò un personaggio non romano, la cui origine geografica non venne mai palesata.

“E’ un piacere fare parte di questa famiglia.

E’ una sorta di privilegiata schiavitù”

Ottavia

image-4897
A sinistra: Ottavia (sorella di Ottaviano Augusto) A destra: Eirene, la schiava interpretata dall’ attrice italiana Chiara Mastalli. 

“Nessuno è un traditore, prima di diventarlo”
Tito Pullo

image-4898
Tito Pullo

Il successo della serie televisiva risiede nell’acuratezza dei dettagli, dai costumi alla scenografia, ogni puntata è una boccata d’aria dal sapore romano. L’opera ti afferra e ti trascina in un universo nuovo, particolare e lontano, una diversità che inizialmente confonde e spaventa, ma che ti permette di abbracciare con semplicità un luogo e un tempo con cultura, usi e costumi, diritto e religioni diversi. “Roma” è un ottimo riassunto delle vicende storiche del noto console e dittatore Gaio Giulio Cesare e del primo imperatore romano Cesare Ottaviano Augusto, con ovvi errori e libertà, dovute sia a chiare sviste che a limiti nel budget. Gli sceneggiatori hanno preferito raccontare i dibattiti, gli intrighi e le feste, piuttosto che le battaglie in sé, spesso messe in secondo piano e solo semplicemente raccontate. Attraverso i personaggi di Voreno e Pullo, inoltre, non solo è possibile ripercorrere un evento storico attraverso uno sguardo estraneo ma coinvolto, ma è inoltre possibile raccontare uno spaccato della vita della plebe romana ai tempi della Repubblica, così che nobili e poveri troveranno sempre spazio all’interno di ogni episodio.

“Io cerco di farmi grande alle tue spalle? Mi sta accusando di questo proprio il ragazzo il cui cosiddetto padre è stato dichiarato un dio? Il tuo solo merito è che per tutti ora sei il figlio di un dio”

Marco Antonio a Cesare Ottaviano

 

Eleonora Fara

RECENSIONE “CATILINA. LA FINE DI UN’EPOCA” DI MARIO FADDA

Buon giorno meraviglie!

Oggi voglio parlarvi dell’ultima fatica letteraria in ambito narrativo dello storico e saggista Mario Fadda, autore più volte ospite di Liberamente Me. Il romanzo storico di cui vi parlo oggi ha come protagonista uno degli uomini più complessi e dibattuti dell’ epoca latina: Lucio Sergio Catilina. 

L’autore maneggia con maestria luoghi e personaggi: le strade, i toponimi, i caratteri. L’obiettivo è quello di restituire ai lettori un’immagine di Catilina diversa dalla solita analizzando con la giusta cognizione di causa tutti gli aspetti negativi ma anche geniali di Catilina.

⇒ SEGUIMI SU FACEBOOK

⇒ SEGUIMI SU INSTAGRAM

image-4864

Autore: Mario Fadda

Editore: Amazon

Pagine: 318

Prezzo: 2.99 €

⇒ CLICCA QUI per acquistare “Catilina. La fine di un’epoca”⇐

Approfondisci

“MARIA ANTONIETTA E LO SCANDALO DELLA COLLANA” DI BENEDETTA CRAVERI

Buon giorno meraviglie!

Oggi vi parlo del saggio di Benedetta Craveri, docente di Letteratura francese all’Università degli Studi degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, “Maria Antonietta e lo scandalo della collana”.

Che Maria Antonietta d’Asburgo sia uno dei personaggi più amati e insieme controversi della storia, è un dato di fatto. Quello che molti non conoscono, sono le vicende che hanno spinto i francesi, ad avere un’antipatia nei suoi riguardi. Al suo arrivo a Versailles sappiamo essere profondamente amata dal popolo, tanto che è passata alla storia la frase del duca di Brissac «Signora, avete qui, duecentocinquantamila innamorati», ed interpreta bene il sentimento di amore e simpatia che i parigini avevano nei confronti di quella che poi diventerà la tanto odiata “austriaca”. 

Lo scandalo della collana, avvenuto quattro anni prima dello scoppio della rivoluzione francese, è un evento che costituisce  grande motivo di odio per la regina, un odio che porterà alla tragica fine che tutti conosciamo… 

⇒ SEGUIMI SU FACEBOOK

⇒ SEGUIMI SU INSTAGRAM

image-4729

Editore: Adelphi

Autore: Benedetta Craveri

Pagine: 87

Prezzo di copertina: 7.00 €

⇒ CLICCA QUI’ per acquistare scontato “Maria Antonietta e lo scandalo della collana” ⇐

 

L’inizio dello scandalo 

Il saggio si apre il 15 Agosto 1785, quattro anni prima della presa della Bastiglia, il 14 Luglio 1789, descrivendo la Galleria degli specchi e il Gran appartamento traboccanti del fior fiore della nobiltà, in attesa di scortare i sovrani di Francia, Luigi XVI e Maria Antonietta, presso la cappella reale, dove sarebbe stata officiata la messa, per la festa dell’Assunta, dal Grande Elemosiniere di Francia: il cardinale di Rohan.

Approfondisci